Review Tour “Balla con me” di Heidi Cullinan

Review Tour “Balla con me” di Heidi Cullinan

 
 
 

Benvenuti cari lettori, oggi si conclude il Review Tour di “Balla con me” di Heidi Cullinan.
Avete seguito tutte le tappe precedenti? Potete trovare tutto l’elenco alla fine dell’articolo.

Trama:

Arriva un momento nella vita in cui serve un compagno.

Ed Maurer si è più o meno rimesso in piedi dopo la ferita al collo che l’ha relegato in panchina, mandando a gambe all’aria la sua carriera di giocatore di football semiprofessionista. Ora lavora in un ufficio che gli succhia l’anima, ma nel tempo libero svolge del volontariato in un centro comunitario locale. L’unico neo è l’istruttore di aerobica, Laurie Parker, che sembra deciso a mettergli i bastoni fra le ruote.

Laurie un tempo era uno dei ballerini più famosi del mondo, ma ora fa il volontario al Centro Halcyon per sfuggire alle macchinazioni di sua madre. Sarebbe la perfetta via di fuga, non fosse per le ingerenze e le frecciatine di un certo giocatore di football.

Quando Laurie, per un capriccio, chiede a Ed di assisterlo al corso di ballo, le opinioni che i due uomini hanno uno dell’altro vengono radicalmente stravolte. Ballare insieme li trasforma in amici, poi amanti, e infine mostra loro come guarire dal dolore del passato. Perché a ogni giravolta sulla pista, Ed e Laurie si rendono conto che l’unico modo per sfuggire ai propri demoni è continuare a ballare… insieme.

Recensione Balla con me


Recensione:

Ed Maurer è un ex giocatore di football che ha dovuto smettere a causa di un infortunio al collo; Laurie Parker è un ex ballerino professionista che adesso si limita ad insegnare. Entrambi lavorano in un centro di volontariato, dove Ed insegna gratuitamente sala attrezzi ai ragazzi, e Laurie insegna a pagamento – per far sopravvivere il centro – aerobica a delle signora.

Tra i due non scorre buon sangue, in quanto la musica di Laurie è sempre troppo alta e disturba le lezioni di Ed, quindi quando per l’ennesimo giorno Ed va a lamentarsi per il volume dalla direttrice del centro, senza ottenere risultati, decide di rivolgersi direttamente a Laurie: gli propone di terminare mezz’ora prima la lezione e in cambio lui gli avrebbe restituito il favore; quindi Laurie gli chiede di aiutarlo nelle lezioni di danza che dovrà tenere tutte le sere nel suo centro.

Da qui le scaramucce diventeranno provocazioni che celano un feeling che si sta venendo a creare tra i due, e l’attrazione sempre più forte.

Ed è un ex giocatore di football, quindi l’incarnazione della mascolinità, possente, intrappolato in un corpo che non è fatto per le sue possibilità, e gay dichiarato ma comunque apprezzato dalla sua ex squadra di football che gli vuole bene per quello che è e non per il suo orientamento sessuale. Laurie invece reincarna tutto ciò che Ed odia in un gay, in quanto è effeminato e secondo lui alimenta i pregiudizi riguardo la comunità omosessuale, è delicato e minuto, e la sua omosessualità è tollerata al minimo vivibile dalla sua famiglia.

Ed grazie a Laurie e al ballo riuscirà a scendere a patti col proprio corpo e coi limiti che adesso gli impone; Laurie grazie ad Ed riuscirà ad aprirsi di nuovo verso la danza “esibita”, senza aver paura dei giudizi della gente e reimparerà a ballare per se stesso.

“Partì la musica. Si accesero le luci. E Laurie ballò. […] la musica non contava, serviva solo a colmare l’aria mentre Laurie si esibiva. 

Spiccò un balzo. Girò su se stesso. Ballò come Ed non lo aveva mai visto ballare. C’erano accenni di tutti gli stile che gli aveva visto insegnare – classica, jazz e qualcosa di tango. C’erano i passi che insegnava ai ragazzi della scuola. C’erano i passi che aveva fatto quando aveva ballato per lui a Natale. Erano tutti parte di quella danza, ed erano bellissimi. […] c’era qualcosa di magico nel guardarlo ballare. La stessa magia che Ed provava quando ballavano insieme, a guardarlo, vederlo esibirsi…

Non era solo come guardare nell’anima di Laurie. Era come se, guardando ballare Laurie, si potesse guardare in qualunque anima. Nella possanza del corpo. Nella bellezza pura e nel brivido del movimento. Nella grazia e nella meraviglia della figura umana. Guardando ballare Laurie, Ed credeva. A tutto quanto.

Al termine, il pubblico andò in visibilio. Si alzarono in piedi come un sol uomo, ridando e applaudendo con tanta foga che il fracasso gli spaccava i timpani. Si accorse di Caroline, in piedi lì accanto, calma e dignitosa come sempre, ma col viso rigato dalle lacrime. 

Al centro del palco, Laurie era dritto come un fuso.”

Ho iniziato questo libro con molto scetticismo, credevo fosse il classico libro M/M con la storiella tra i due che prima si odiano e poi si amano, ma devo dire che mi ha stupito in positivo, e man mano che la storia procedeva mi son dovuta ricredere. È stata una bella lettura, la consiglio.

Le fiamme di Pompei

 

ATTENZIONE! Per chi avesse comprato il libro prima del 23/11 si ritroverà con un file non corretto, l’autrice ha chiesto di comunicare questo:
Heidi vuol fare sapere a tutti voi che c’è stato un piccolissimo errore di caricamento del file originale, ma ora è tutto risolto, e se volete ri-scaricare il file dallo store dove l’avete acquistato, il problema è stato risolto.

Ecco tutte le tappe:

28 Novembre NewBookinkFeel The Book



Voto: VotazioneVotazioneVotazioneVotazione Recensione di: Vanessa
Scheda libro

Titolo: Balla con me
Autore: Heidi Cullinan
Data pubblicazione*: 17/11/2017
Editore: Amazon Media
Lingua: Italiano
Genere: M/M
ISBN: B077L16MK5
Autore recensione: Vanessa
Valutazione recensione: 4
*Se giorno e mese risultano 01/01 la data esatta può essere non pervenuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *