Recensione “Nichi arriva con il buio” di Sara Zelda

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Recensione “Nichi arriva con il buio” di Sara Zelda

 

Trama:

A dieci anni dalla morte del suo ex fidanzato una donna ne racconta la storia alla sorella adolescente di lui, che non ha avuto il tempo di conoscerlo davvero. Greta ha quattordici anni quando conosce Nicola in occasione di una vacanza al mare, i due si incontrano ogni estate nella medesima località di villeggiatura portandosi appresso nuovi bagagli di vita reale: Greta ha i genitori separati e presto arriva anche una sorellina, la stessa cosa accade in seguito a Nicola; due esistenze speculari a trecento chilometri di distanza unite da un filo fragilissimo di fiducia e speranza. La storia di Greta e Nicola è contrastata di volta in volta da personaggi gelosi, orgogliosi, insicuri e disperati, ma soprattutto da loro stessi. Tra concorsi di bellezza e quiz televisivi la vicenda è l’occasione per ricostruire un decennio di storia italiana dal punto di vista di una generazione, a favore di chi quella generazione non l’ha mai vissuta.

Recensione:

Touché. Ancora una volta Sara Zelda Mazzini colpisce nel segno e mi costringe ( piacevolmente ) a tornare indietro su posizioni e idee. Dopo aver letto I Dissidenti e averne apprezzato trama e stile,  “Nichi arriva con il buio” è stata un’altra lettura intensa e vissuta: in certi passi del romanzo sembra non essere lei l’autrice, ma poi, nella descrizione di luoghi, tempi e personaggi emerge un io, forte e deciso, riconducibile assolutamente alla nostra autrice.

10 anni : sono passati 10 anni dalla morte del suo ex fidanzato, Nichi, ma per Greta  è stato solo un tempo cronologico, che  non ha cancellato alcun ricordo della loro storia d’amore, ma, al contrario, se possibile,  ha contribuito a creare un angulus  nell’anima dove è come se la storia non si  fosse mai conclusa. Ma la sorella adolescente di lui non ha avuto il tempo di conoscerlo davvero e allora è necessario anche e solo il ricordo. E chi, se non Greta, potrà parlargliene?

Il tempo del racconto è un tempo privilegiato: sembra di sentire la brezza marina, assaporare il gusto dell’estate, calpestare la spiaggia umida. Ed è lì, in un’isola che è metafora della vita, che nasce e si intreccia la storia d’amore fra due giovanissimi, ognuno alle prese con piccoli e grandi drammi dell’adolescenza.

Greta deve fare i conti con il divorzio dei propri genitori, ma, pur con la sua fragilità, dovrà sostenere  gli adulti e, soprattutto, la figura del padre mai cresciuto. Nichi è un giovane difficile, che rifiuta il mondo in cui vive. E se ne tormenta. Accomunati da  un disagio che li porterà all’impossibilità a volte di scegliere, tormentati dall’insicurezza e dall’indecisione.

L’estate finisce e con essa gli abbracci e le confessioni fra i due. Per ben cinque anni dal primo abbraccio, Greta e Nichi si ritrovano e si perdono ogni estate, anno dopo anno. Anche se non riescono a frequentarsi sono legati da un sentimento talmente forte che non sanno affrontare. Il racconto di Greta rende vivo e presente il tempo passato. L’amore,  che stravolge e annienta, che brucia e corrode, non è stato presago di belle speranze e di un futuro meraviglioso. Tra i due, uno ha ceduto. Ed è stato Nichi:  si è arreso alla vita, la sua fragilità non ha trovato un’ ancora di salvezza.

Il romanzo è stato per me un pugno allo stomaco, pagina dopo pagina: intenso, forte, crudele a volte. Ancora di più perchè non è solo un romanzo, potrebbe essere la vita. Anzi lo è. Un mondo giovanile fragile, insicuro, capace di sentire e volere fortemente, ma poi, inspiegabilmente e maledettamente fragili, perennemente in bilico fra ciò che vorrebbero essere e ciò che invece sono.

Un libro assolutamente consigliato e da leggere.

Una nota in più è la splendida ( a mio avviso ) cover del libro: un orologio che è tutt’uno con il volto, un’ambientazione marina e uno sfondo blu che dà un senso struggente di  malinconia e tristezza.

Condividi questa pagina!



Voto: VotazioneVotazioneVotazioneVotazioneVotazione Recensione di: Aglaia
Scheda libro

Titolo: Nichi arriva con il buio
Autore: Sara Zelda
Data pubblicazione*: 30/07/2015
Editore: Narcissus Self Publishing
Lingua: Italiano
Genere: Romanzo
ISBN: 6051762027
Autore recensione: Aglaia
Valutazione recensione: 5
*Se giorno e mese risultano 01/01 la data esatta può essere non pervenuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recensioni e molto di più