Oceano in te

“Oceano in te” di Starla War – Estratto

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Oggi per il Made in Italy parliamo di Starla War e del suo primo libro “Oceano in te“.

Di seguito copertina, sinossi ed estratto

Oceano in te

Sinossi:

L’amore a volte porta più tormento che pace. Anna Livi vive la vita che ha scelto. Le bastano le piccole sicurezze di cui si è circondata per essere felice: quattro chiacchiere con gli amici, le uscite serali con il fidanzato, il suo posto di lavoro come commessa in una libreria. Dopo un trauma che ha subito, la ragazza ha la certezza che questo sia il meglio a cui può aspirare, un’esistenza semplice, senza rischi né ombre. Non ha preventivato però l’arrivo di Giordano che, come un oceano profondo ed oscuro, è pronto ad inghiottirla in una passione che sovrasta ogni cosa. Anna fa poco e niente per ribellarsi, non ne è in grado ma soprattutto lei vuole quell’uomo con tutta se stessa. Lo perdona ogni volta che la fa soffrire, riesce a passare sopra le rivelazioni sconcertanti riguardo la sua vita e lo ama. Lo ama come non ha mai fatto. Senza difese e senza barriere. A tutto però c’è un limite e per lei arriva quando comprende che la loro storia non potrà mai avere un lieto fine, che le favole sono solo nella sua mente e che, purtroppo, ha il dovere di dire addio al suo grande amore.
Giordano si trova di fronte ad un bivio.
Potrà lasciar tornare Anna alla sua vita oppure combattere per lei, per la passione e per il sentimento profondo che condividono.

Estratto:

«Sei il mio sogno irraggiungibile, Anna. Dal primo istante ho capito che tu saresti stata lei». «Lei?» «La donna che mi avrebbe liberato dal dolore e dall’affanno. La donna che mi avrebbe strappato il cuore dal petto per appropriarsene. La donna che mi avrebbe fatto mancare il respiro con la sola sua presenza. Tu sei lei». Sopraffatta dalle emozioni e dalle sue parole, una lacrima solitaria sfugge ai miei occhi. Metto le mani sulle sue ed intreccio le nostre dita, faccio un passo indietro e poggio la schiena sul suo petto. Siamo entrambi nudi, i soli testimoni del nostro amore che sfugge al resto delle anime. Per nessun altro è comprensibile ciò che noi abbiamo. Le lunghe dita cominciano ad esplorarmi, carezzano la pancia e risalgono fino ai seni. Istintivamente porto il capo di lato per dargli il via libera, ha già tutto di me e può prendere ancora, mi svuterà ed io ne sarò felice. Quella bocca vorace prende possesso della mia carne ed i suoi baci umidi mi fanno gemere. Voglio di più. Guido una delle sue mani tra le mie gambe pregandolo tacitamente di accontentarmi. «Mi vuoi?», domanda. Non esiste risposta più facile da dare, non per me. «Sì». Mi fa voltare e vederlo è una gioia. Le iridi ora libere e limpide, niente a schermarle da me, riesco finalmente a penetrare il suo sguardo e le sue barriere senza alcun limite e vedo qualcosa di splendido. È sereno, emozionato ed innamorato, l’amore sgorga dai suoi occhi inondandomi completamente, non c’è bisogno di dirlo, entrambi sappiamo. Passo l’indice sui contorni del viso splendido che ho di fronte e ringrazio la natura, il cielo, chiunque me lo abbia messo accanto. Ogni singolo istante di dolore è valso la pena perché la ricompensa è unica, indescrivibile ed inimitabile. Nient’altro creerà mai questo splendido noi. Ed io mi sento perfetta solo quando sono noi.

Potete acquistare il libro qui:

Mirtilla Malcontenta

Le fiamme di Pompei sostiene il Made in Italy ed è disponibile per recensioni, anteprime, pubblicazione estratti e interviste.

Condividi questa pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recensioni e molto di più