Recensione Fanucci Editore “Autonomous” di Annalee Newitz

Recensione Fanucci Editore “Autonomous” di Annalee Newitz

Trama:

Terra, 2144. Judith ‘Jack’ Chen è una vera e propria scienziata-pirata: la sua base operativa è un sottomarino, la sua missione piratare costosi farmaci e produrne delle alternative a basso costo, accessibili a tutti. Una sorta di Robin Hood in un mondo dominato dalle case farmaceutiche. Eppure, qualcosa è andato storto con la sua ultima partita di Zacuity: coloro che ne hanno fatto uso, sono andati incontro a effetti collaterali imprevisti, ridotti a veri e propri automi costretti ad azioni meccaniche e ripetitive che conducono la mente alla follia. Jack sa che se il farmaco da lei messo a punto si diffondesse, l’umanità intera ne sarebbe minacciata. Sulle tracce della scienziata, una coppia alquanto improbabile al soldo delle case farmaceutiche: Eliasz, un tormentato agente sotto copertura, e il suo fedele partner Paladin, un robot. Sarà nella frenetica ricerca di informazioni sul misterioso e potente farmaco di Jack che Eliasz e Paladin riusciranno a stabilire un legame inaspettato, oltre i confini tracciati dalle loro nature così diverse.

Un’avventura visionaria, intensa, che esplora i temi della libertà e del libero arbitrio in una società frenetica e frammentata, in cui la differenza tra umanità e intelligenza artificiale è ormai sempre più labile.

 

Recensione Autonomous


Recensione:

“Autonomous” è un libro di fantascienza difficile da digerire per svariati motivi.

Il primo è senza dubbio la prospettiva di una realtà futura in cui uomini e robot vivranno e lavoreranno insieme in una società a metà tra il proibizionismo e la violenza legalizzata. La realtà, vista con una prospettiva del genere, vale davvero la pena essere vissuta? A mio parere no. Una società descritta come nel libro mi disturba, pur amando la fantascienza e pur essendo io una persona ansiosa di veder cooperare persone e robot nella vita quotidiana. C’è qualcosa di disturbante nella società descritta nel libro.

Il secondo motivo, è la quantità di termini tecnici presenti nella narrazione. Nemmeno nel più difficile libro di Asimov si arriva a leggere così tanti tecnicismi e spiegazioni scientifiche. Ho impiegato davvero molto tempo a leggerlo, pur divorando libri di questo tipo ogni settimana, proprio perché la fluidità del racconto veniva continuamente spezzata da termini che toglievano armonia ai dialoghi e alle descrizioni.

Il terzo e ultimo motivo è senza dubbio personale. Credo che l’autrice, affermata blogger d’oltreoceano, abbia voluto strafare cercando di fare il botto. La storia è bella, è ben strutturata ed è decisamente originale. Non è possibile raccontarla senza fare continui spoiler. Quello che però la rovina un pò è la troppa tecnicità della trama.

Bello? Si, decisamente.
Veloce da leggere? No.

Grazie a Fanucci Editore per avermi dato la possibilità di leggerlo.

Le fiamme di Pompei

Potete trovare il libro qui.

 

 




Voto: VotazioneVotazioneVotazioneVotazione Recensione di: Mirtilla Malcontenta
Scheda libro

Titolo: Autonomous
Autore: Annalee Newitz
Data pubblicazione*: 26/10/2017
Editore: Fanucci Editore
Lingua: Italiano
Genere: Scifi
ISBN: 883473386X
Autore recensione: Mirtilla Malcontenta
Valutazione recensione: 3.5
*Se giorno e mese risultano 01/01 la data esatta può essere non pervenuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *