Recensione Mondadori “Ramses La dimora millenaria” di Christian Jacq

Recensione Mondadori “Ramses La dimora millenaria” di Christian Jacq

Trama:

La successione di Sethi è stata decisa: il giovane Ramses sarà faraone. Ma la nobiltà d’animo del giovane sovrano favorisce i suoi nemici, a cominciare dal fratello Shenar. E come se non bastassero i nemici interni, alle frontiere gli Ittiti premono sempre più minacciosi.

Ramses ha più che mai bisogno della protezione divina. Per ottenerla, decide di far costruire un tempio grandioso, la più ardita opera architettonica mai tentata: una vera “dimora millenaria”.

Recensione La dimora millenaria

 


Recensione:

Secondo stupendo capitolo della serie di Ramses scritta da Christian Jacq.

In questo nuovo romanzo troviamo Ramses cresciuto e salito al potere, l’Egitto ora è nelle sue mani e la sua sposa Nefertiti è la donna perfetta per supportare il nuovo Faraone.

Nel primo libro abbiamo lasciato il protagonista in lutto per la morte del padre Sethi e lo ritroviamo ora – seppur addolorato per la perdita – pieno di aspettative e progetti per portare il suo impero al più grande splendore.
In questo libro ci sono parecchi personaggi importanti, la trama è sempre più fitta e le trappole ordite per rovesciare il Faraone sono davvero intricate. Ramses ha idee innovative, ogni sua impresa è una grande scommessa e il suo popolo non aspetta altro che vederlo fallire.
Tra i vicoli bui e nelle sfarzose sale dei ricevimenti tutti si ripetono che presto il Faraone fallirà. Ma chi ha dato il via a questo senso di sfiducia e sconforto?

Ovviamente, come nel primo libro, il fratello di Ramses è deciso più che mai a mettere i bastoni tar le ruote al Faraone e farlo detronizzare.

Nefertiti, donna bellissima e saggia quanto nessuno, regna al fianco del suo sposo cons saggezza e devozione. Le sue intuizioni, i suoi presagi e i sogni premonitori sono una chiave importantissima per tutti i fatti che si susseguono inquietante questo libro.

Nonostante Ramses sia il “Toro impetuoso” che sembra sempre sul punto di agire impulsivamente, possiamo dire con certezza che in questo capitolo della sua storia ogni passo è in realtà approvato dalla moglie. Ogni singola parola di Neferititi, ogni suo piccolo gesto, aiuta Ramses a capire cosa deve far ee quanto in la può spingersi.

Ma non è solo il fratello a muovere contro di lui, nell’ombra operano anche misteriose forze che spingono i fedeli di un unico Dio a ribaltare le certezze del popolo egiziano e a rinnegare le divinità del luogo. Anche Mosè resterà affascinato da questi personaggi che tramano nell’ombra e proprio da qui parte la storia di questo personaggio importantissimo che tutti noi conosciamo bene. Mosè è come un fratello per Rames, quest’ultimo infatti ripone in lui talmente tanta fiducia da affidargli il compito di costruire una nuova capitale. Ma il dubbio si insinua in Mosè e lo porta a tradire chi più lo ha amato.

Il nuovo Faraone deve lottare contro nemici visibili e invisibili, ma la sua forza e il suo potere divino sono troppo forti per essere fermati.

Sappiamo tutti quanto Ramses sia stato importante per l’Egitto, ma scoprirlo passo passo con questa bellissima serie firmata da Jacq è un piacere per gli occhi e per la mente.

Adoro l’Egitto e questo autore con ogni suo libro mi sta dando la possibilità di vivere il periodo di Ramses come se fossi veramente li. Le ambientazioni sono stupende ed è davvero facile rievocare ogni immagine descritta. I colori e i profumi prendono vita e spesso mi sono sentita anche io rinfrescata dal leggero vento che soffia all’ombra dei giardini del Faraone.

Consigliatissimo.

Le fiamme di Pompei




Voto: VotazioneVotazioneVotazioneVotazioneVotazione Recensione di: Mirtilla Malcontenta
Scheda libro

Titolo: Ramses La dimora millenaria
Autore: Christian Jacq
Data pubblicazione*: 30/06/2017
Editore: Mondadori
Lingua: Italiano
Genere: Romanzo storico
ISBN: 880466214X
Autore recensione: Mirtilla Malcontenta
Valutazione recensione: 4.5
*Se giorno e mese risultano 01/01 la data esatta può essere non pervenuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *