Segnalazione Edizioni Montag “In basso, agli inferi” di Alberto Alessi

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Segnalazione Edizioni Montag “In basso, agli inferi” di Alberto Alessi

Trama:

le due citazioni che ho scelto di anteporre alla storia ne racchiudono tutto lo spirito: “Tutta l’esistenza civile non è che un’immensa menzogna”, Petr Kropotkin; “La fantasia distruggerà il potere, e una risata vi seppellirà”, Michail A. Bakunin.
La vicenda si svolge in un futuro imprecisato ma non troppo distante, l’ipotesi che sta alla base della
narrazione è che nel continente europeo i popoli siano riusciti a eliminare qualsiasi forma di potere
e vivano serenamente secondo i principi di uguaglianza, solidarietà, fratellanza.

Questo equilibrio però viene turbato quando nell’asse orientale (ovvero lungo l’immaginario confine che separa l’Europa dall’Asia) si verificano attentati e rapimenti da parte degli eserciti degli stati asiatici. Alcuni
ambasciatori dell’Europa libera vengono inviati in Asia per chiedere il rilascio delle vittime e chiarimenti riguardo queste manifestazioni di violenza ingiustificata, ma vengono a loro volta sequestrati.

Qui inizia la storia: Chira, il narratore, si trova prigioniero in una fossa, come se fosse stato sepolto vivo; dopo qualche giorno Nilo, suo compagno di viaggio, riesce a liberarlo, e insieme iniziano il loro ritorno alla terra libera, che li porterà a incontrare altri “esiliati” che si uniranno a loro, come Madeira (una delle donne rapite alla frontiera, fatta schiava e prostituta in un bordello), o Mekong, partito volontario anni prima per arruolarsi nei gruppi ribelli che vogliono mettere fine alla tirannia dei governi. Il viaggio toccherà pure i continenti dell’Africa (divenuta ufficialmente una colonia americana) e dell’America (incontrastata superpotenza politica ed economica), prima che il cresciuto gruppo faccia ritorno in Europa e scopra che il loro continente è minacciato da un imminente invasione che ha come scopo quello di riformare i vecchi stati e reinstaurare le vecchie forme politiche.

A intervallare i quattro capitoli (Terra, Acqua, Aria, Fuoco) in cui è articolata la storia, ci sono le parti di una lettera che il protagonista scrive per far aprire gli occhi agli abitanti del mondo civilizzato sulla loro condizione di schiavitù fisica e sudditanza psicologica imposta dagli stati, dalle religioni, dal benessere, dal mito dell’apparenza ecc. Questi interludi sono un gioco metaforico: nella finzione letteraria appartengono al futuro, ma in realtà sono validi, validissimi, nel presente che stiamo vivendo.

Segnalazione In basso, agli inferi.


Titolo: In basso, agli inferi
Autore: Alberto Alessi
CE: Edizioni Montag
Prezzo: 16,15 €


Bio:

Mi chiamo Alberto Alessi, sono nato a Castelfranco Veneto il 20 aprile del 1984, abito a Cittadella
(PD). Mi sono laureato a pieni voti in Lettere e Filosofia all’università di Padova, il mio esordio
letterario è avvenuto due anni fa con “Due novelle rock’n’roll”, due romanzi che ho voluto riunire in un
unico volume, pubblicato da Lettere Animate, una casa editrice non a pagamento.
Sono attivista volontario per la LAV onlus(Lega Anti Vivisezione). Suono e canto nel gruppo rock
L’Amor Violento.
“In basso, agli inferi” è edito da Edizioni Montag.

Le fiamme di Pompei

Condividi questa pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recensioni e molto di più